• Consulenza Tecnica per Fustellifici e Cartotecniche

Consulenza Tecnica

per Fustellifici e Cartotecniche

Consulenza tecnica per Fustellifici e Cartotecniche.

Proponiamo le migliori soluzioni per ottenere i migliori risultati.

La nostra lunga (trentennale) esperienza nel settore dei fustellifici e delle cartotecniche, ci consente di dare alla clientela un valido contributo al fine di consigliare i materiali specifici per la costruzione delle fustelle, nonché per individuare i macchinari più idonei e più evoluti per raggiungere l’ottimizzazione nella produzione.

Una nuova linea di macchinari e di materiali di consumo per le cartotecniche quali lamiere, lamierini, set per la pulizia dei fustellati etc è quindi disponibile presso la nostra azienda.

La nostra organizzazione si avvale continuamente del contributo di centri preposti alla ricerca delle soluzioni più valide per il conseguimento dei migliori risultati ottenibili.

PER QUALSIASI INFORMAZIONE O DUBBIO CONTATTATECI!

D.D.L. DI BILANCIO 2021

Nuovo Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali Industria 4.0

A chi si rivolge 
Possono beneficiare dell’agevolazione tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti.

Quali vantaggi 
Per gli investimenti in beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati è riconosciuto un credito d'imposta nella misura del: 

- 50% per la quota di investimento fino a 2,5 milioni di euro;
- 30% per la quota di investimento oltre i 2,5 milioni di euro e fino ai 10 milioni di euro;
- 10% per la quota di investimento oltre i 10 milioni di euro e fino ai 20 milioni di euro.

In caso di investimenti effettuati mediante contratti di locazione finanziaria, il contributo è calcolato considerando il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni. Il credito d'imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall'anno di avvenuta interconnessione. Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito ed è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, nei limiti massimi del raggiungimento del costo sostenuto. 

Investimenti ammissibili 
Sono ammissibili le seguenti categorie di intervento: 

• Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori;
• Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità (es. sistemi di misura, sistemi di monitoraggio, sistemi per l’ispezione;
• Dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza (es. postazioni adattative, sistemi di movimentazione agevolata, dispositivi wearable, interfacce uomo macchina intelligenti).

Come si accede 
Il credito si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022. Le imprese sono tenute a produrre una perizia tecnica asseverata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale, iscritti nei rispettivi albi professionali.

Per i beni di costo unitario di acquisizione non superiore a 300.000 euro è sufficiente una dichiarazione resa dal legale rappresentante.

Con riferimento ai beni strumentali materiali e immateriali “ordinari”, diversi da quelli “Industria 4.0” viene riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 10% per gli investimenti fino a un limite di 2 milioni di euro per i beni materiali e fino a un limite di un milione di euro per i beni immateriali. 

Bando I.N.A.I.L. ISI 2020

Contributi del 65% a fondo perduto per la realizzazione di interventi volti al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.

Beneficiari
Tutte le imprese ubicate sul territorio nazionale, iscritte alla CCIAA che non abbiano ottenuto l’ammissione ai Bandi ISI 2016 - 2017 - 2018.

Agevolazioni
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili con massimo di contributo pari a € 130.000,00 in regime “de minimis”.
Per specifici interventi, verrà decurtato dal contributo la somma pari al 50% dell’importo preventivato per la vendita o permuta delle vecchie macchine.

Lo stanziamento dei fondi è suddiviso tra le seguenti tipologie di progetto:
- Progetti di investimento (Sostituzione macchine non CE – Sostituzione di Trattori Agricoli o Forestali);
- Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;

Per “miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro” si intende il miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti e riscontrabile nel DVR riferito ad un'unica unità locale con dipendenti.

Spese ammissibili:
- Acquisto di macchinari, impianti automatizzati e trattori;
- Progetti per bonifica da materiali contenenti amianto;
- Perizia Asseverata;

È possibile acquistare più macchinari purché facciano riferimento allo stesso rischio.
Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non fatturati e non in corso di realizzazione alla data dell’Inserimento della domanda on line. Non sono ammessi beni usati.
Non è ammesso il Leasing.

Le macchine da sostituire devono essere di proprietà della società richiedente almeno dal 31 dicembre 2018.

Consulenza Metallurgica e Taglio

METALLURGIA

Consulenza metallurgica appropriata alla costruzione di utensili e lame da taglio

CONSULENZA TAGLIO

- Con utensili convenzionali
- Settore laser
- Settore waterjet

Per maggiori informazioni sulle nostre forniture, contattaci!